PhDs

BANCA DATI DELLE TESI DI DOTTORATO IN CINEMA, FOTOGRAFIA, TELEVISIONE
DATA BASE OF PhD DISSERTATIONS IN CINEMA, PHOTOGRAPHY AND TELEVISION
← TORNA ALL’ELENCO | BACK TO THE LIST


Germania / Israele: immagini da una memoria divisa in due
Germany / Israel: images from a memory divided into two

Autore | Author
Claudio Gaetani
never29@libero.it
http://independent.academia.edu/ClaudioGaetani

Corso di dottorato | PhD Program
Storia, politica e istituzioni dei paesi dell’area euro-mediterranea nell’età contemporanea
Università degli studi di Macerata
Tutor Paola Magnarelli
2011

Sinossi | Abstract
La Shoah è l’evento della storia che, più di ogni altro, ha portato il cinema a interrogarsi su se stesso. Oggi, però, queste domande, spesso davvero necessarie, sembrano aver trovato tutte una risposta e nelle cinematografie più note la trasmissione da parte del medium della tragedia, per anni da molti ritenuta addirittura “irrapresentabile”, mostra di rifarsi a formule sempre più fisse. In breve, quello legato allo sterminio ebraico sembra essere diventato un cinema di genere. Dopo aver illustrato gli esiti – anche pericolosi – di questa trasformazione, la tesi si sofferma ad analizzare come tale soggetto sia stato trattato nei film e sviluppato nel tempo in due paesi peculiari quali la Germania e Israele, ovverosia quelli che sovente vengono sbrigativamente identificati come il “paese dei carnefici” e quello “delle vittime”, che hanno dovuto giocoforza confrontarsi con la tragedia per plasmare la propria identità nazionale. Quanto questo percorso obbligato sia stato per entrambi complesso, e ancora oggi non cessi di esserlo, lo si può evincere dal viaggio proposto, che rende chiaro come, da qualche parte, il pensare la Shoah sia ancora un processo attivo considerato ineludibile, non incasellabile in strutture rigide, non circoscrivibile nella retorica di una commemorazione.

The Holocaust is the event of history that, more than any other, brought the cinema to question about itself. Today, however, all these often really necessary questions seem to have found an answer and all the best-known film industries are telling the tragedy, for years considered by many even “unrepresentable”, using increasingly fixed formulas. In short, the films about the extermination of the Jews seems to be part of a new “genre”. After explaining the results – even dangerous – of this revolution, the thesis analyzes how the subject has been treated in film and developed over time in two specific countries such as Germany and Israel, namely those that are often summarily identified as the “country of the perpetrators” and “victims,” that had to deal with the tragedy to shape their own national identity after the Second World War. The proposed path shows how this process has been complex for both and still doesn’t cease to be. it also makes clear that, somewhere, thinking the Holocaust is still an active process considered unavoidable, not classifiable in rigid structures, not confined to the rhetoric of a commemoration.

Tesi online | Online repository
http://independent.academia.edu/ClaudioGaetani

Annunci